La prima volta nel cannabis club. Cosa bisogna fare?

Avete scelto il club, l’avete trovato e siete anche riusciti a entrare dentro. E poi?
Vediamo insieme.

Iniziamo con la registrazione

Vi chiederanno di mostrare il vostro documento d’identità alla reception. Andrà bene quasi qualsiasi documento con la vostro foto – ad esempio, la carta d’identità, il passaporto o la patente di guida. Poi dovrete rispondere a un paio di domande e compilare un semplice modulo, che, tra l’altro, indica la quantità di marijuana che intendete utilizzare nel club. Sentitevi liberi di indicare la quantità massima – 100 grammi al mese. Successivamente, dovrete pagare l’abbonamento annuale – nella stragrande maggioranza dei club costa 20 euro. Questa è esattamente la quota associativa – tale importo non comprende nulla tranne la possibilità di visitare il locale scelto durante tutto l’anno.

Solo dopo essere registrati e aver pagato la quota annuale, potrete entrare dove succede tutto il divertimento. Ebbene, cosa potrebbe esserci più interessante di un bar con un mucchio di varietà della migliore marijuana in Europa? Questi banconi o bar con prodotti di canapa si chiamano “dispensary” in tutto il mondo. In mancanza di una migliore traduzione, li chiameremo dispensari, sebbene il significato principale di questa parola sia leggermente diverso (in Inghilterra, questo è il nome di un posto dove si può ottenere medicine gratuitamente).

Selezione del prodotto nel dispensario

Nel cannabis bar, sarete accolti dal sempre socievole badtender (venditore di prodotti di canapa). Anche qua abbiamo una parola difficile da tradurre: “badtender” deriva dall’inglese “bartender” (barista) e “bud” (inflorescenza, cono). Si scopre qualcosa come un “barista dei coni”. Vi parlerà volentieri di tutte le varietà e degli estratti, vi consiglierà qualcosa secondo il vostro umore e sicuramente vi offrirà di annusare quasi tutto ciò che è disponibile. Gli spagnoli vanno matti per la componente aromatica della canapa.

Yes or no cannabis photo

Tutti i club hanno una flotta di diversi dispositivi per fumatori e cartine per fare le sigarette – tutto gratuito. In alcuni locali è possibile trovare lo staff che parla cinque lingue, mentre in altri tutti i dipendenti parlano soltanto spagnolo. Se questo è importante per voi, è meglio chiarirlo in anticipo, anche nella fase della selezione del club.

Usate le parole giuste

Le parole che userete per ottenere marijuana sono di grande importanza. Secondo le leggi spagnole, i cannabis club devono essere organizzazioni senza scopo di lucro. Nonostante ciò che accade nel dispensario assomigli a un acquisto ordinario, dal punto di vista legale, tutto si svolge in maniera diversa.

Vi ricordiamo che i 20 euro che pagate per l’iscrizione sono solo una quota associativa. Invece i soldi che date al dispensario in cambio di prodotti sono contributi al fondo generale. Questi fondi vengono utilizzati dal club per coltivare la canapa, che viene successivamente distribuita tra i visitatori (membri del club).

Questo fatto è importantissimo – così i cannabis club riescono a uscire dalla zona del codice penale spagnolo, che prevede sanzioni gravi per la vendita di droga. Pertanto, dovete fare attenzione a questa formalità e non dovete utilizzare alcune parole legate alla vendita, altrimenti potreste essere rimproverati o addirittura privati della vostra iscrizione. Le parole “comprare” e “vendere” sono vietate. Usate invece parole neutre che non siano correlate all’acquisto e alla vendita: ottenere, prendere, ecc.

Non usate le paroleUsate le parole
buy; purchaseget; have; acquire; collect

A seconda della varietà, la “tassa” per un grammo di gemme sarà solitamente compresa tra 10 e 20 euro. I prezzi non sono negoziabili, non c’è bisogno di contrattare: questo non è accettato in Catalogna. E non dimenticate che i club accettano solo contanti – preparateli in anticipo.

Quanti grammi prendere?

I club tengono traccia di quando e quanto dei prodotti avete preso. I limiti sulla quantità di cannabis che potete ottenere possono variare da club a club, ma per legge non può superare i 100 grammi al mese. Secondo il governo spagnolo, questo è il limite ragionevole per l’uso personale.

Hemp on the scales photo

Fidatevi, 100 grammi di cime sono tanti, quindi non fate scorta per anni in anticipo. Essendo membro del club, potete visitarlo quando volete. Inoltre, non dimenticate che la cannabis è legale solo all’interno del club. Non avete nulla di cui preoccuparvi mentre siete nel club – qualsiasi attività con marijuana all’interno del locale è assolutamente legale. Anche quando uscite dal club, non è un problema se avete dei chiari segni di consumo della canapa.

Le regole dei club non permettono di portare via la canapa ma nessuno vi perquisirà e, se volete, potete, ovviamente, farlo. Ma tenete presente che secondo la legge spagnola, il possesso di qualsiasi quantità di marijuana è un crimine. Di solito le autorità sono leali alla marijuana, ma se verrà trovata in vostro possesso, vi potrebbero fare la multa di 1000 euro e rovinarvi la giornata.

Un altro motivo per non esagerare con la quantità è la qualità altissima della cannabis locale. Dovreste essere sicuri di ciò che fate quando accendete le cime con un contenuto di THC quasi del 30%. Iniziate piano-piano e poi vedete come procedere per non rovinare il piacere. Inoltre, vi consiglieremmo di prendere quantità piccole ma di diverse varietà. È sempre interessante provare cose nuove e fare il paragone.

Atmosfera per amici

La maggior parte dei cannabis club ha un’atmosfera molto calma e serena, quasi come a casa. Ciò è in gran parte una conseguenza della “natura chiusa” dei club e di tutti questi requisiti con l’iscrizione obbligatoria. E questo è il loro e vantaggio rispetto ai coffee shop di Amsterdam.

Molto probabilmente apprezzerete anche l’atmosfera rilassante, ma tenete presente che l’amministrazione e gli altri visitatori si aspettano un comportamento appropriato da voi. Non si parla ad alta voce, non ci si riunisce in grandi compagnie, non si fa rumore e non ci si comporta in modo provocatorio. Se disturbate la tranquillità del posto, vi potrebbe essere chiesto di andarvene o addirittura potreste essere espulsi dal club. Perciò andare nel cannabis club dopo, ad esempio, una partita per continuare a discutere il risultato potrebbe essere un’idea sbagliata.

Se volete scattare una foto, chiedete prima se è consentito nel club. Il nome “cannabis social club” non è molto bello, ma così si chiamano in inglese e in realtà riflette abbastanza precisamente la natura di tali locali. Questo non è solo un bar dove “riempirsi” con la canapa, ma uno spazio piuttosto confortevole con un’atmosfera rilassante e favorevole a fare due chiacchere ed è davvero piacevole passarci un po' di tempo.

Mantenete l’equilibrio

Nonostante i cannabis club siano legali, non amano attirare troppa attenzione alle loro attività. L’intero sistema di regolamentazione legale della circolazione della marijuana in Spagna è costruito su un certo equilibrio. Tutto funziona bene: da un lato, i consumatori della cannabis hanno una vasta selezione di bei posti dove possono godersi le cime legalmente e con calma, dall’altro lato, questi locali non attirano l’attenzione di adolescenti e non infastidiscono i cittadini più conservatori che non condividono l’entusiasmo per la marijuana. Per questo motivo vi sconsigliamo di affollarvi, darvi appuntamento o parcheggiare davanti ai club.

Forse questo è tutto ciò che dovete sapere per la vostra prima volta in qualsiasi cannabis club legale a Barcellona. Esplorate il nostro catalogo, scegliete un locale che vi piace e via!

×